GIAMPILIERI 2011 Lombardo consulenze e lavori fermi

Giampilieri, le consulenze
e il tempo che non passa

venerdì 30 settembre 2011

Giampilieri, consulenti e lavori. La video-inchiesta di Livesicilia. Lo stato dell’arte dopo l’alluvione. LINK LIVESICILIA

Angelino…BUGIE MINISTERIALI!

 

Alfano e le “bugie ministeriali”. Tribunale di Sciacca verso la chiusuraNon solo enti locali. La mannaia della manovra economica del governo colpisce anche la giustizia e chiude le procure. Come a Sciacca, seconda città della provincia di Agrigento (terra del segretario politico del Pdl Angelino Alfano) dove cancellieri, avvocati e amministratori sono sul piede di guerra. Quel palazzo è l’unico presidio di giustizia all’interno di una delle roccaforti del Pdl, dove è molto influente anche il numero uno di Cosa Nostra: Matteo Messina Denaro. La popolazione è infuriata perché nel 2009 era stato lo stesso Alfano, da ministro della Giustizia, ad assicurare: “il tribunale di Sciacca, e questa è una notizia buona che vi do, non corre alcun rischio di chiusura”. “Bugie ministeriali”, dicono i cittadini. CLICCA QUIdi Antonio Condorelli

su “S” il SISTEMA CIANCICO

TUTTE LE CARTE. Ancora oggi i catanesi non sono a conoscenza di cosa è accaduto all’interno dello studio del notaio Ciancico. L’edizione catanese del mensile “S” in edicola da sabato 24 settembre, contiene tutti gli atti giudiziari di quello che è stato ribattezzato “Sistema Ciancico”. Ovvero il sistema di clausole, versamenti, conti correnti paralleli che ha portato ai domiciliari (adesso rilasciato) l’ex presidente dell’ordine dei Notai Vincenzo Ciancico, attualmente indagato per falso, peculato e truffa.

L’inchiesta di Antonio Condorelli ripercorre tutte le transazioni contenute nell’ordinanza di custodia cautelare analizzando singoli importi e riportando nomi e cognomi di tutti i protagonisti, vittime e carnefici. A partire dalla transazione tra l’editore Mario Ciancio Sanfilippo e il gruppo Auchan, per l’acquisto di un terreno. Ma anche società finanziarie, privati e professionisti. Il tutto corredato da tabelle, fotografie e dati che non a caso sono stati trascurati dalla stampa locale. Un’autentica operazione verità, soltanto una delle tre inchieste portanti contenute nel nuovo numero di “S” Catania.

LINK CATANIAOGGI CLICCA QUI

Sul Fattoquotidiano.it la lotta contro il Muos

Niscemi in lotta contro le parabole
volute dall’esercito degli Stati Uniti Sindaco e popolazione contro il progetto militare “Muos”, pali alti 150 metri che minacciano una sughereta e che nessuno in Comune ha mai approvato. Ora il primo cittadino ha imposto lo stop dei lavori, ma dovrà confrontarsi con il sì concesso dalla Regione Sicilia
“Le colate di cemento per le antenne militari Usa sono abusive”. A dirlo è il sindaco di Niscemi, Giovanni Di Martino. Storia di una palificazione alta fino a 150metri, di antenne denominate “Muos” che dovrebbero crescere all’interno di una sughereta, e di un inizio dei lavori di sbancamento avvenuto sotto ferragosto.

Link http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/22/niscemi-in-lotta-contro-le-parabole-volute-dallesercito-usa/159262/

A SCUOLA DI DISINFORMAZIONE (by Ansa)

ANSA COLPISCE ANCORA. Nella nostra terra il fatto non raccontato non esiste. In Sicilia il sistema dominante è trasversale dalla destra alla sinistra, indifferente alla mafia e ramificato sin dentro le istituzioni. Con la complicità della stampa di regime.
Ieri sera ho toccato con mano l’ennesimo episodio di disinformazione. C’è stata una pronuncia del Csm sulla spaccatura della procura di Catania e l’Ansa ha ritagliato la notizia eliminando l’ammonimento sull’obbligo del pm di passare dal giudice. Cosa gradita ai poteri forti. Ecco quindi una lezione documentale sulla disinformazione nostrana.
1)LEGGETE LA VERSIONE ANSA, CIOE’ RITAGLIATA PRO-LOMBARDO e PRO-POTERI FORTI, DELLA DELIBERA DEL CSM SULLA PROCURA DI CATANIA

MAFIA: IBLIS; CSM, NON LUOGO A PROCEDERE SU RICHIESTA PM

(ANSA) – ROMA, 21 SET – Il Consiglio superiore della magistratura ha approvato con 17 voti a favore, un voto contrario e uno astenuto, la delibera che dispone il ‘non luogo a procedere sulle osservazioni sollevate da quattro sostituti’ nei confronti del procuratore reggente della Repubblica di Catania sulla gestione dell’inchiesta Iblis.
Il Csm ha trattato il contenzioso sulla revoca della delega dal vertice dell’ufficio di parte dell’inchiesta Iblis, decidendo di stralciare la posizione del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, di suo fratello, il deputato nazionale del Mpa, Angelo, e di un terzo indagato, per i quali i 4 pm volevano invece il visto per presentare al Gip una richiesta di rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa. Per i fratelli Lombardo la Procura ha successivamente disposto la citazione a giudizio per reato elettorale.
L’intervento del Csm era stato sollecitato dai quattro sostituti sul ruolo avuto dal procuratore reggente di Catania e dell’aggiunto che coordina l’area contro la cosca Santapaola.
‘Nel caso in esame – si legge nella delibera del Csm – non risultano allo stato violazioni di norme ordinamentali ne’ da parte del procuratore della Repubblica ne’ da parte dei suoi sostituti. Il Consiglio si riserva comunque di adottare una delibera di carattere generale che disciplini l’organizzazione dell’ufficio del pm nella prospettiva ordinamentale’.(ANSA).
2) ADESSO LEGGETE QUESTO ARTICOLO CHE SPIEGA INTEGRALMENTE IL CONTENUTO DELLA DELIBERA DEL CSM
Il Csm sul caso Lombardo

“Il concorso esterno
doveva passare dal giudice”

di Antonio Condorelli
22 set

La revoca è legittima, la modifica del capo d’imputazione pure, ma l’ultima parola sul concorso esterno sarebbe spettata a un giudice terzo. Che avrebbe dovuto quanto meno esprimersi sull’archiviazione. Il Consiglio superiore della magistratura non contesta “violazioni di norme ordinamentali” al procuratore facente funzioni Michelangelo Patané, ma riserva aspre critiche all’operato del reggente della Procura nell’inchiesta che riguarda il presidente della Regione Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo. Lo fa a larghissima maggioranza (17 sì, un no e un’astensione) nella pronuncia sul ricorso dei pm Iole Boscarino, Antonino Fanara, Giuseppe Gennaro e Agata Santonocito contro l’avocazione dell’inchiesta: il ricorso viene respinto con un “non luogo a procedere” perché “nel caso in esame non risultano allo stato violazioni di norme ordinamentali né da parte del procuratore della Repubblica né da parte dei suoi sostituti”.

Secondo il Csm, insomma, il procuratore reggente di Catania Michelangelo Patanè aveva il potere di revocare l’assegnazione dell’indagine ai pm titolari, che stavano indagando per concorso esterno in associazione mafiosa, e aveva anche la competenza per modificare la qualificazione dei fatti da concorso esterno in voto di scambio semplice. Ma l’accusa precedente non doveva scomparire da un giorno all’altro.

“L’esercizio dell’azione penale per un reato diverso da quello originariamente ipotizzato – ammonisce il Csm – non esime dall’obbligo di richiedere l’archiviazione anche per i fatti che non risultino inclusi nella nuova qualificazione giuridica privilegiata dal procuratore della Repubblica”. Insomma, doveva essere un giudice a pronunciarsi sul concorso esterno, perché “la modificazione della qualificazione giuridica non può certo comportare un’elusione dell’obbligo di sottoporre al vaglio del giudice, mediante richiesta di archiviazione, la determinazione di non esercitare l’azione penale per tutti i fatti originariamente ipotizzati”.

Infine, il Csm approfitta dell’occasione per darsi un appuntamento per regolamentare questo ambito. “Il Consiglio – si legge nel parere – si riserva comunque di adottare una delibera di carattere generale che disciplini l’organizzazione dell’ufficio del pm nella prospettiva ordinamentale”. Se ne parlerà probabilmente nei prossimi giorni, poco prima o poco dopo la decisione del Consiglio superiore della magistratura sulla nomina del nuovo procuratore di Catania, che diventerà automaticamente anche il titolare dell’accusa nel processo al via dal 14 dicembre. Quando, per la prima volta in questa inchiesta, Raffaele Lombardo incontrerà un magistrato giudicante.

Nuovo mensile “S” settembre: il procedimento al potente che nessuno racconta












Sabato torna S Catania inchiesta top secret su un potente della città. Ma non solo…

Sabato torna S Catania inchiesta top secret su un potente della città. Ma non solo...In tutte le edicole dal 24 settembre. “Un potente, un intoccabile considerato tale anche dalla stampa e per questo gli atti giudiziari che lo riguardano, con tanto di procedimento in corso, sono rimasti sepolti”. Sabato torna in edicola l’edizione catanese del mensile “S”, edito dalla Novantacento di Palermo, un “numero bomba”, secondo alcune indiscrezioni, sotto il coordinamento di Antonio Condorelli, giornalista d’inchiesta, che svelerà gli atti giudiziari sul processo in corso ad uno dei potenti che governano Catania.

Il giornalista d’inchiesta sarebbe venuto in possesso di tutti gli atti giudiziari comprensivi …CONTINUA A LEGGERE SU CATANIAOGGI