Archivi tag: michelangelo patanè

RAFFAELE E LA MAFIA: il giorno del giudizio

ATTESA PER OGGI LA DECISIONE

Lombardo e la mafia
Ultime ore per decidere

di Antonio Condorelli
29 feb Il conto alla rovescia è appena scattato e oggi il presidente della Regione Raffaele Lombardo saprà se il procedimento per concorso esterno in associazione mafiosa a suo carico proseguirà oppure diverrà soltanto un vecchio ricordo. Il Gip Luigi Barone al momento non ha accolto la richiesta di archiviazione che era stata avanzata dall’ex reggente […]

AUTONOMISMO E LEGALITA’

Il faccia a faccia

Lombardo: cosa dicono i pentiti

di Antonio Condorelli
17 feb Il faccia a faccia con i primi tre mafiosi pentiti è stato fissato dal giudice Michele Fichera per il prossimo 6 marzo, quando l’aula del tribunale monocratico sarà allestita con schermi per ascoltare in videoconferenza boss collaboratori del calibro di Maurizio Di Gati, Ercole Jacona detto “Ercolino” e Maurizio La Rosa. E’ questa l’ultima svolta […] CLICCA e leggi su LIVESICILIA.IT ULTIMISSIME DALLA PROCURA

A SCUOLA DI DISINFORMAZIONE (by Ansa)

ANSA COLPISCE ANCORA. Nella nostra terra il fatto non raccontato non esiste. In Sicilia il sistema dominante è trasversale dalla destra alla sinistra, indifferente alla mafia e ramificato sin dentro le istituzioni. Con la complicità della stampa di regime.
Ieri sera ho toccato con mano l’ennesimo episodio di disinformazione. C’è stata una pronuncia del Csm sulla spaccatura della procura di Catania e l’Ansa ha ritagliato la notizia eliminando l’ammonimento sull’obbligo del pm di passare dal giudice. Cosa gradita ai poteri forti. Ecco quindi una lezione documentale sulla disinformazione nostrana.
1)LEGGETE LA VERSIONE ANSA, CIOE’ RITAGLIATA PRO-LOMBARDO e PRO-POTERI FORTI, DELLA DELIBERA DEL CSM SULLA PROCURA DI CATANIA

MAFIA: IBLIS; CSM, NON LUOGO A PROCEDERE SU RICHIESTA PM

(ANSA) – ROMA, 21 SET – Il Consiglio superiore della magistratura ha approvato con 17 voti a favore, un voto contrario e uno astenuto, la delibera che dispone il ‘non luogo a procedere sulle osservazioni sollevate da quattro sostituti’ nei confronti del procuratore reggente della Repubblica di Catania sulla gestione dell’inchiesta Iblis.
Il Csm ha trattato il contenzioso sulla revoca della delega dal vertice dell’ufficio di parte dell’inchiesta Iblis, decidendo di stralciare la posizione del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, di suo fratello, il deputato nazionale del Mpa, Angelo, e di un terzo indagato, per i quali i 4 pm volevano invece il visto per presentare al Gip una richiesta di rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa. Per i fratelli Lombardo la Procura ha successivamente disposto la citazione a giudizio per reato elettorale.
L’intervento del Csm era stato sollecitato dai quattro sostituti sul ruolo avuto dal procuratore reggente di Catania e dell’aggiunto che coordina l’area contro la cosca Santapaola.
‘Nel caso in esame – si legge nella delibera del Csm – non risultano allo stato violazioni di norme ordinamentali ne’ da parte del procuratore della Repubblica ne’ da parte dei suoi sostituti. Il Consiglio si riserva comunque di adottare una delibera di carattere generale che disciplini l’organizzazione dell’ufficio del pm nella prospettiva ordinamentale’.(ANSA).
2) ADESSO LEGGETE QUESTO ARTICOLO CHE SPIEGA INTEGRALMENTE IL CONTENUTO DELLA DELIBERA DEL CSM
Il Csm sul caso Lombardo

“Il concorso esterno
doveva passare dal giudice”

di Antonio Condorelli
22 set

La revoca è legittima, la modifica del capo d’imputazione pure, ma l’ultima parola sul concorso esterno sarebbe spettata a un giudice terzo. Che avrebbe dovuto quanto meno esprimersi sull’archiviazione. Il Consiglio superiore della magistratura non contesta “violazioni di norme ordinamentali” al procuratore facente funzioni Michelangelo Patané, ma riserva aspre critiche all’operato del reggente della Procura nell’inchiesta che riguarda il presidente della Regione Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo. Lo fa a larghissima maggioranza (17 sì, un no e un’astensione) nella pronuncia sul ricorso dei pm Iole Boscarino, Antonino Fanara, Giuseppe Gennaro e Agata Santonocito contro l’avocazione dell’inchiesta: il ricorso viene respinto con un “non luogo a procedere” perché “nel caso in esame non risultano allo stato violazioni di norme ordinamentali né da parte del procuratore della Repubblica né da parte dei suoi sostituti”.

Secondo il Csm, insomma, il procuratore reggente di Catania Michelangelo Patanè aveva il potere di revocare l’assegnazione dell’indagine ai pm titolari, che stavano indagando per concorso esterno in associazione mafiosa, e aveva anche la competenza per modificare la qualificazione dei fatti da concorso esterno in voto di scambio semplice. Ma l’accusa precedente non doveva scomparire da un giorno all’altro.

“L’esercizio dell’azione penale per un reato diverso da quello originariamente ipotizzato – ammonisce il Csm – non esime dall’obbligo di richiedere l’archiviazione anche per i fatti che non risultino inclusi nella nuova qualificazione giuridica privilegiata dal procuratore della Repubblica”. Insomma, doveva essere un giudice a pronunciarsi sul concorso esterno, perché “la modificazione della qualificazione giuridica non può certo comportare un’elusione dell’obbligo di sottoporre al vaglio del giudice, mediante richiesta di archiviazione, la determinazione di non esercitare l’azione penale per tutti i fatti originariamente ipotizzati”.

Infine, il Csm approfitta dell’occasione per darsi un appuntamento per regolamentare questo ambito. “Il Consiglio – si legge nel parere – si riserva comunque di adottare una delibera di carattere generale che disciplini l’organizzazione dell’ufficio del pm nella prospettiva ordinamentale”. Se ne parlerà probabilmente nei prossimi giorni, poco prima o poco dopo la decisione del Consiglio superiore della magistratura sulla nomina del nuovo procuratore di Catania, che diventerà automaticamente anche il titolare dell’accusa nel processo al via dal 14 dicembre. Quando, per la prima volta in questa inchiesta, Raffaele Lombardo incontrerà un magistrato giudicante.

l’editoriale

“ALLA PROCURA DI CATANIA
LA VERITÀ ESCE DI SCENA”

di Sebastiano Messina (REPUBBLICA Palermo)

NON tocca a noi giornalisti
giudicare gli imputati
e tantomeno i magistrati,
in un Paese nel quale abbiamo
già — ahinoi — un presidente
del Consiglio che si incarica
di picconare i pubblici ministeri,
nella speranza di
sottrarsi al principio fondamentale
che vuole la legge
uguale per tutti. Ma neanche il
profondo rispetto che nutriamo
per i magistrati può impedirci
oggi di dire che quello che
sta succedendo nella Procura
della Repubblica di Catania dà
un aiuto formidabile a chi parla
di «uso politico della giustizia».
La soluzione escogitata dal
reggente di quella Procura, Michelangelo
Patanè, è infatti la
peggiore che potesse essere
immaginata per chiudere il
“caso Lombardo”, ovvero l’inchiesta
aperta due anni fa contro
il presidente della Regione
per concorso esterno in associazione
mafiosa. Lo è per tre
motivi: per la procedura adottata,
per la tempistica dei provvedimenti
e per le ombre che
non permettono di definirla né
trasparente né inattaccabile. RIEPILOGHIAMO. Nel marzo 2010
Raffaele Lombardo viene iscritto nel
registro degli indagati per un reato di
mafia (il concorso esterno, appunto). Lui si
dichiara innocente davanti all’Assemblea
regionale, ma l’inchiesta va avanti senza
che la Procura di Catania gli contesti formalmente
alcun reato. Il procuratore D’Agata
prende tempo, passa quasi un anno, e
lui va in pensione senza che l’inchiesta arrivi
alla sua conclusione.
Poi, tre mesi fa, il magistrato incaricato di
reggere la Procura fino alla nomina del nuovo
titolare prende una decisione importante.
Boccia la richiesta di rinvio a giudizio di
Lombardo (per concorso esterno in associazione
mafiosa) firmata dai quattro pm titolari
dell’inchiesta e avoca a sé il procedimento,
ipotizzando la derubricazione del
reato. Per farlo, però, secondo la dottrina
prevalente, sarebbe necessaria una decisione
del giudice per le indagini preliminari.
Ma il reggente Patanè evita il giudizio del
gip, che sarebbe il “giudice terzo” invocato
dallo stesso Lombardo. E lo evita anche dopo
che il fascicolo sugli altri indagati è stato
affidato, con decisione assai discutibile, a
un gip che è il marito di Rita Cinquegrana,
nominata proprio da Lombardo sovrintendente
del Teatro Massimo di Catania. Non
gli chiede né il rinvio a giudizio per un altro
reato né l’archiviazione per il reato più grave.
Lo aggira del tutto e, con una decisione
sorprendente, cita direttamente a giudizio
Lombardo (e suo fratello) per violazione
della legge elettorale.
Nessun giudice potrà dunque stabilire se
l’accusa precedente era fondata o meno, e
nessun magistrato potrà più procedere
contro il governatore per quella vicenda, in
base al principio per il quale nessuno può
essere processato due volte per lo stesso fatto.
Al presidente della Regione, e alla giustizia,
serviva un giudizio pubblico e trasparente
delle prove a suo carico. La via d’uscita
che si è inventato il fantasioso reggente
della Procura lo impedisce per sempre.
Se davvero il caso Lombardo si concluderà
così, l’ombra del sospetto non si allontanerà
affatto dal governatore. E si allungherà
invece sulla Procura di Catania, che
dopo una così lunga gestazione ha partorito
una decisione che forse neanche il collegio
di difesa dell’imputato aveva osato immaginare.

“Lombardo imputato” …E SCATTANO GLI APPLAUSI !!!

Il presidente della Regione è imputato per voto di scambio insieme al fratello onorevole Angelo. Onore al merito. In Sicilia è una medaglia al valore. Vedi l’insegnamento del segretario regionale del partito democratico Lupo che, in cambio di qualche scheggia di sottogoverno, sostiene il governo autonomista.

Per non parlare della compostezza istituzionale dell’assessore Massimo Russo e della sua collega Caterina.

Avanti così! Bravi!

TIC TAC TIC TAC nuovo regalo (giudiziario) per Lombardo

Inchiesta Iblis, il procuratore

“Entro due giorni
la decisione su Lombardo”

LOMBARDO SPACCA LA PROCURA DI CATANIA