Archivi categoria: livesicilia

parla (nella registrazione) Don Carlo Chiarenza

Mai più bugie contro Teodoro Pulvirenti
L’emittente TrA ha trasmesso, grazie all’autorizzazione del penalista catanese Avv. Antonio Fiumefreddo, l’audio integrale della conversazione tra Teodoro Pulvirenti e Don Carlo Chiarenza.
Appena possibile, la traccia audio verrà linkata
Chi l’ha già ascoltata integralmente non può avere dubbi

CATERINA “CHINNICI”, guarda per credere

La Chinnici a Livesicilia

Lombardo e la mafia?
“Buona Pasqua”

di Antonio Condorelli
6 apr Mentre viene chiesto il rinvio a giudizio per mafia di Raffaele Lombardo, il magistrato assessore Caterina Chinnici si trova all’estero. Livesicilia l’ha rintracciata e posto la domanda fatidica sul governo Lombardo e sull’opportunità di una permanenza, nonostante tutto

Il punto

Il silenzio non basta

di Roberto Puglisi
6 apr L’assessore Caterina Chinnici è una persona che stimiamo. Non lo scriviamo – come si usa – per affondare il colpo un secondo dopo, premettendo un elogio di maniera a una critica che ustiona. Lo pensiamo davvero. Da sempre

“pronti a querelare chi tenta di diffamare Teo”. CARTOLINE? No, messaggi privati…

A SEGUITO DELLA CONFERENZA STAMPA DELLA DIFESA DI DON CARLO CHIARENZA
SI TRASMETTE QUESTA NOTA DEL PRESIDENTE DE LA CARAMELLA BUONA ONLUS ROBERTO MIRABILE
La famiglia del Preside Pulvirenti valuta una denuncia querela per le gravi affermazioni della difesa di Don Chiarenza
Rispetto naturalmente il ruolo della difesa di Don Carlo Chiarenza, delle cui eventuali responsabilità risponderà alla magistratura italiana e, forse, a quella vaticana.
A seguito della conferenza stampa di oggi, svoltasi nello studio dell’avvocato del sacerdote, desidero precisare quanto segue.

1) i contenuti della conferenza non mi sorprendono, nel senso che mi aspettavo il nulla e così è stato: in altri casi affrontati e soprattutto nel caso di Don Ruggero Conti, il sacerdote che a Roma con l’avvocato Nino Marazzita, nostro presidente onorario, abbiamo fatto condannare l’anno scorso a oltre quindici anni di carcere più pene accessorie, la strategia difensiva era praticamente la stessa: arrampicandosi sugli specchi, i difensori non possono fare altro che cercare di screditare la vittima, il suo contesto famigliare; la difesa vuole screditare ma non smentisce i fatti;
2) malgrado quindi la prassi si ripeta, non possiamo sorvolare sulla discutibilissima tattica utilizzata: far passare Teo Pulvirenti come una persona inattendibile, addirittura mentalmente instabile, problematico e con l’aggravante della sessualità omosessuale, come se questa fosse elemento di poca credibilità;
3) i dieci silenzi del dott. Pulvirenti, come biblicamente scrive la difesa, sono campati in aria: Pulvirenti non nasconde nulla e non tace, come ha dimostrato ampiamente. Inutile provare in modo meschino a capovolgere i ruoli ! Questa operazione, come detto già affrontata ampiamente da La Caramella Buona in altri processi, non potrà assolutamente funzionare e la magistratura lo potrà serenamente dimostrare;
4) non esistono “veri motivi” dell’allontanamento di Pulvirenti dalla Comunità, se non la tattica del sacerdote di togliere gli incarichi ai ragazzi della parrocchia quando scomodi: si vuole forse additare la cittadinanza di Acireale come omofoba ?
5) il ruolo del padre Preside Pulvirenti non fa altro che dimostrare la buona fede della famiglia nel rispetto della Chiesa e ricordiamo che Teo ha pienamente informato i genitori solo recentemente di quanto realmente accaduto; questo è del tutto normale per una vittima di abuso sessuale e psicologico;
6) inconsistente affermare che a Cassone e in Parrocchia ci fossero “sempre” altre persone: e quindi ? si vorrebbe dimostrare che il sacerdote non poteva mai e poi mai rimanere isolata dalla vista di altri ? anche questa difesa è totalmente fragile;
7) tacere sul Centro di Ascolto ovvero Telefono Amico ? questa sarebbe una prova della totale infondatezza delle accuse che Teo muove al sacerdote ? l’estraneità ai fatti del sacerdote si dimostrerebbe con l’aver fondato il (discusso) Telefono Amico ? piuttosto ridicola come cosa;
8) screzi e cartoline non modificano alcuna sostanza delle accuse mosse dal dottor Pulvirenti al sacerdote Don Carlo Chiarenza e la magistratura potrà dimostrarlo serenamente;
9) inutile continuare a dire che Pulvirenti ha strumentalizzato e addirittura manomesso la registrazione con Chiarenza e Urso: se ne occuperà la magistratura;

Mi dispiace, e voglio dirlo, che la difesa di Don Chiarenza abbia minacciato Pulvirenti di querela per “gravissima calunnia”, anche perché con questo potrebbe intimorire altre presunte vittime che, in parte, già si sono rivolte a La Caramella Buona Onlus e soprattutto, come corretto e giusto, alla Polizia delle Comunicazioni di Catania quindi al Pubblico Ministero Dott.ssa Marisa Scavo.

Ancora: se non è Don Carlo Chiarenza a volere la denuncia contro Pulvirenti per calunnia, di chi sarebbe l’iniziativa, dell’avvocato difensore in persona ?

Il Preside Pulvirenti e la famiglia tutta ha contattato i legali de La Caramella Buona Onlus per verificare una denuncia querela per le gravi affermazioni dell’avvocato di Don Chiarenza.

Nel massimo rispetto del ruolo e della professionalità della difesa di Don Carlo Chiarenza, posso affermare che il Dottor Teodoro Pulvirenti e La Caramella Buona Onlus sono certi che la verità, sollecitata peraltro da quattromila persone alla fiaccolata di Acireale, vincerà su ogni tentativo di screditare le vittime di un’orribile reato e riconfermiamo la massima collaborazione e fiducia nella Polizia e nella Magistratura.

Roberto Mirabile

Presidente http://www.caramellabuona.org
Membro dell’Osservatorio per il contrasto della pedofilia
e della pornografia minorile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri

PEDOFILNEWS

Acireale, il prete accusato di Pedofilia

Don Carlo Chiarenza si difende:
“Dieci domande senza risposta”

di Redazione
5 apr Ci sono “dieci silenzi, un decalogo di domande senza risposte” nelle accuse di pedofilia rivolte a don Carlo Chiarenza (Il video di Antonio Condorelli) da un ricercatore italiano che lavora negli Usa, Teodoro Pulvirenti, durante un incontro con la stampa a Roma. Lo sostiene il legale del sacerdote di Acireale, l’avvocato Antonio Fiumefreddo, del foro […]

MAFIA NEWS

L’imputazione coatta

Lombardo e la mafia:
chiesto il giudizio

di Redazione
5 apr Arriva la richiesta di rinvio a giudizio per Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo. Ecco i tempi possibili della decisione.

La replica di Lombardo

“Un castello di falsità
Prima o poi lo smonteremo”

di Raffaele Lombardo
5 apr Dal blog del presidente. Prima o poi avrò il tempo di difendermi, e non c’è migliore difensore di se stesso. Viene la nausea a sentire gentaglia da strapazzo e farabutti, ai quali non ho mai dato confidenza, dire sciocchezze di dimensioni mondiali che vengono prese da qualcuno come oro colato; qualcuno che magari ha svolto il […]

Esclusiva. Lo abbiamo rintracciato

Lombardo e il boss Buda
“Ecco l’autista coinvolto”

di Antonio Condorelli
4 apr Il pentito Eugenio Sturiale ha parlato di un autista di Raffaele Lombardo che avrebbe incontrato il mafioso Buda. LiveSicilia l’ha rintracciato. Ecco cosa dice.

ACIREALE ABBRACCIA TEODORO PULVIRENTI

Quei cento passi tra barocco e lastricati di pietra lavica che separano la piazza antistante la Cattedrale dalla Basilica di San Sebastiano – dove prima della pubblicazione dell’inchiesta di “S” Don Carlo Chiarenza cantava messa circondato da bambini- ieri sera, verso le dieci, non sembravano gli stessi di sempre. Vuoi perché sulla facciata del municipio campeggiava, tenuto da decine di bambini con i palloncini in mano, uno striscione con scritto “Grazie Teo, Acireale ti abbraccia”, vuoi perché dall’altra parte del lastricato c’erano circa tremila persone che hanno applaudito almeno per dieci minuti sbriciolando quella cupola di omertà che per settimane ha avvolto la città più bella della provincia di Catania...CLICCA E LEGGI SU LIVESICILIA