Archivi categoria: AMBIENTE SOSTANZE TOSSICHE SALUTE

4 SI per dire NO a questi pezzi di m.

Acqua privatizzata, centrali nucleari ed evitare la galera al corruttore Capo

E i siciliani che abbassano il quorum nazionale

Popolo di schiavi e delinquenti.

Annunci

PUNTERUOLO ROSSO SCANDALO ETNEO

AGGIORNAMENTO 13/05/09: sopralluogo con Gianluca Reale CLICCA E GUARDA IL VIDEO SU IL DITO.IT
AGGIORNAMENTO 8/05/09: INTERVIENE ENZO BIANCO CON UN’INTERROGAZIONE AL SINDACO STANCANELLI: SCARICA IL DOCUMENTO
 
 
QUOTIDIANO DI SICILIA 05/05/09
Punteruolo rosso, scandalo etneo

di Antonio Condorelli

Ambiente. Come viene gestita una grave emergenza.
La situazione. In Sicilia sono almeno 30 mila le palme infette dal punteruolo rosso, l’insetto che ne divora lentamente i tronchi. Per questo, da tre anni l’Isola è dichiarata “zona infetta a livello mondiale”.
La scoperta. Nel boschetto della Playa di Catania hanno scaricato abusivamente una marea di tronchi di palme con le tracce lasciate dagli insetti: secondo un decreto ministeriale, invece, dovevano essere distrutti.

Catania – Sconfinata, nascosta, maleodorante e con l’arrivo dell’estate anche a rischio incendio.
Ma soprattutto è abusiva la discarica dei resti di palme colpite dal punteruolo rosso, che si trova nel cuore del boschetto della Playa, uno degli ultimi polmoni verdi etnei, in piena zona balneare. è la risposta paradossale dell’amministrazione comunale allo stato di calamità dichiarato dalla Regione lo scorso sei marzo mentre si toccava l’apice nella lotta contro il killer delle palme…CLICCA QUI E LEGGI IL SERVIZIO

 

TRENI AMIANTO CATANIA: INSABBIAMENTO.

CATANIA Prima la scoperta, poi Trenitalia nega tutto e li fa sparire, infine il ritrovamento a piazza Europa dove decine e decine di operai lavorano senza mascherine nè protezioni su treni ad alto rischio amianto. Nel silenzio complice della città a partire dalla classe politica. Escluso però l’On. Orazio Licandro che fa una interrogazione parlamentare alla quale i ministri del governo Prodi non hanno mai risposto.