Dopo la condanna del Vicerè gli ex lombardiani si travestono da professionisti dell’antimafia

A Catania tutti sanno chi si è seduto alla tavola imbandita sotto la bandiera del Mpa. Dai pensatori dell’ex Partito comunista ai manovali dell’ex Movimento sociale, dai sindacalisti manager (nel settore della formazione professionale) della Cgil, ai camionisti della Piana di Catania. Dai fruttivendoli abusivi del porto agli avvocati con i colletti inamidati e il ciuffo al vento.

Sono tutti colpevoli.

Leggi su LivesiciliaCatania

raffaele lombardo condannato

Report colpisce ancora, condannati 6 ex assessori catanesi

Grande Vittoria della libertà d’informazione e del giornalismo d’inchiesta. Grazie alla trasmissione I Vicerè di Report del marzo 2009 il Comune di Catania riceverà 150 mila euro da sei ex assessori, condannati per danno all’immagine.

LEGGI LA NOTIZIA SU LIVESICILIACATANIA

Immagine

Presa Diretta su Riela connection

Bellissima puntata ieri di Presa Diretta. Il collega Danilo Procaccianti si è occupato della gestione dei beni confiscati alla mafia e del caso Riela. Da vedere al minuto 47.21 a questo link http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-de439fec-8296-4a15-bfe4-7393ca6daaf2.html#p=0

Immagine

Inchiesta del mensile “S”, archiviata la querela di Enzo Ercolano, fratello di Aldo, killer di Pippo Fava

enzo ercolanoEnzo Ercolano (foto a lato), figlio dello storico boss Pippo Ercolano e fratello di Aldo, killer di Pippo Fava, mi aveva querelato per diffamazione. E insieme a me aveva querelato il direttore del mensile “S” Francesco Foresta e il collega Alfio Musarra, coautore dell’articolo e compagno di mille avventure.

La nostra colpa sarebbe stata quella di parlare dei suoi affari. Insomma, parlare di lui. Colpa gravissima.

Il Pm Claudia Ferrari, della Procura di Palermo, ha chiesto l’archiviazione con un’ampia motivazione che allego integralmente. E l’archiviazione è stata disposta. Non me ne voglia il signor Ercolano, noi giornalisti abbiamo il dovere di raccontare i fatti e i cittadini hanno il diritto di essere informati.

Una grande vittoria della libertà di stampa in una città che per troppo tempo ha avuto paura di pronunciare il nome degli Ercolano. Un ringraziamento va all’avvocato Marcello Montalbano e al direttore Foresta che ha garantito l’assistenza legale tutelando i giornalisti contro questo ennesimo attacco pretestuoso.

LEGGI L’ARCHIVIAZIONE INTEGRALE