1 maggio 2007: i boss festeggiano insultando Pippo Fava. PER NON DIMENTICARE…

Pubblico l’inchiesta contenuta nel primo numero di “S” Catania.

I capimafia festeggiano il primo maggio insultando Pippo Fava, ricordano con nostalgia “i cavalieri” e parlano dei nuovi “padroni” Virlinzi e “Ciancio”

Ziccone: “Ecco perché non si andrà a giudizio”

di Antonio Condorelli
28 apr “Non è detto che si andrà a giudizio”. L’avvocato Guido Ziccone, difensore di Raffaele Lombardo, spiega in esclusiva a Live Sicilia la strategia difensiva e le prossime mosse del pool di avvocati che studiano le carte del processo Iblis. Al terzo piano di via Francesco Crispi, proprio davanti al palazzo della Procura di Catania, tra quadri, […]

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA.IT

Minardo: ecco le carte dell’arresto

di Antonio Condorelli
26 apr Siamo in grado di pubblicare in esclusiva tutte le accuse contenute nell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti del deputato Riccardo Minardo e di altri quattro soci di fatto. Si va dalle false fatture all’acquisto di plasma e telecamere fino alla compravendita di un immobile intestato alla figlia del parlamentare.CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA.IT

COPPOLE E RIFIUTI

Esclusiva. La videoinchiesta

Basilotta, Lombardo
e l’affare dell’inceneritore

di Redazione
22 apr C’è un primo riscontro alle parole del geologo Giovanni Barbagallo sul termovalorizzatore di Paternò. Barbagallo, infatti, aveva raccontato ai magistrati che ad eseguire i lavori di sbancamento nell’area sarebbe stata la ditta riconducibile ai fratelli Basilotta, uno dei quali, Vincenzo, è stato condannato in primo grado per associazione mafiosa. (CLICCA SULLA FOTO E GUARDA L’INCHIESTA DI ANTONIO CONDORELLI)

“A Lombardo 600 mila euro per la campagna elettorale”

Esclusiva. I nuovi verbali di Barbagallo

di Antonio Condorelli
19 apr Proseguiamo  la pubblicazione delle carte dell’inchiesta Iblis che hanno portato alla chiusura delle indagini con l’accusa di concorso esterno alla mafia del governatore siciliano Raffaele Lombardo, del fratello deputato Angelo e di una cinquantina tra amministratori, imprenditori e malavitosi. In questo verbale che viene reso noto per la prima volta il geologo Giovanni Barbagallo, attualmente detenuto, ricostruisce il presunto finanziamento di Cosa nostra alla campagna elettorale di Raffaele Lombardo. E aggiunge: “Dopo l’elezione Lombardo ha scelto la strada della legalità”.

LEGGI SU LIVESICILIA.IT

REPLICANO E PRECISANO I LEGALI DI RAFFAELE LOMBARDO

“Su Livesicilia appare la notizia che il geologo Barbagallo avrebbe riferito di un contributo elettorale resogli da Aiello Vincenzo. E’ opportuno precisare che il Barbagallo ha semplicemente detto di avere sentito questa notizia, escludendo di poter fornire elementi in ordine all’attendibilità della stessa. Il nostro assistito ha già smentito in conferenza stampa questa affermazione, conferendoci mandato di perseguire per calunnia chiunque sostenga l’esistenza di detto fantasioso contributo”. Lo dichiarano i legali del presidente della regione Siciliana Raffaele Lombardo.

Iblis: “Lombardo voleva l’inceneritore”

Esclusiva. Parla il geologo Barbagallo

di Antonio Condorelli
18 apr Continuamo la pubblicazione delle carte dell’inchiesta Iblis che hanno portato alla chiusura delle indagini con l’accusa di concorso esterno alla mafia del governatore siciliano Raffaele Lombardo, del fratello deputato Angelo e di una cinquantina tra amministratori, imprenditori e malavitosi. In questo verbale che viene reso noto per la prima volta il geologo Giovanni Barbagallo, attualmente detenuto, ricostruisce nei dettagli la storia dell’inceneritore che sarebbe dovuto sorgere a Paternò, smentendo in qualche modo la strategia difensiva del presidente Lombardo, il quale ha sempre sostenuto di aver rotto consolidati equilibri mafiosi a partire proprio dall’aver bloccato la costruzione degli incenitori CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA.IT