la cricca del sociosanitario

Associazione a delinquere, turbativa d’asta, peculato, abuso d’ufficio,
falso e truffa aggravata. Sedici arresti e cinquantadue indagati. Una
piccola parte dell’asse di potere del movimento per l’Autonomia di Raffaele
Lombardo
è finito dietro le sbarre per la gestione dei servizi
sociali del Comune di Catania e del distretto socio
sanitario che comprende anche alcuni comuni della provincia. Tra gli
indagati per reati minori ci sono anche sindaci e consiglieri comunali
del Pdl. Una vera e propria cricca fatta da politici ed
amministratori compiacenti che avrebbe messo in atto un meccanismo di
spartizione a tavolino dei fondi statali destinati ai più bisognosi,
anziani e nullatenenti compresi.   clicca e continua a leggere sul Fatto blog